Come ottenere il permesso di vendere cibo da casa in 7 semplici passaggi

Desideri avviare un’attività di vendita di generi alimentari e hai bisogno di una licenza ? Se SÌ, ecco una guida pratica su come ottenere il permesso di vendere cibo da casa in 7 semplici passaggi.

Se hai un talento per cucinare così tanto che le persone lodano sempre le tue abilità culinarie ogni volta che assaggiano i tuoi pasti e se trovi una gioia non comune nel preparare i pasti, forse è il momento di fare soldi con questa abilità. Certo, ci sono molti requisiti patrimoniali coinvolti nella creazione di un ristorante o di un’attività alimentare, e questo è ciò che ha trattenuto molte persone. È per questo motivo che alcuni chef hanno iniziato a pensare di cucinare fuori dalle loro cucine domestiche.

Perché avviare un’attività alimentare da casa?

Innanzitutto, cucinare e vendere il cibo da casa è conveniente soprattutto per gli chef che stanno a casa mamme o addirittura studenti. Ancora una volta, i costi generali sono ridotti enormemente perché non si paga per alcuna struttura aggiuntiva e le bollette che ne derivano.Hai solo bisogno di entrare in contatto con i tuoi clienti tramite il telefono o potrebbe essere attraverso l’uso di un’app; cucini i pasti, fai le provviste e riscuoti la paga. Facile, vero?

Ma purtroppo, questa non è l’unica cosa in gioco quando si vuole iniziare un attività di ristorazione casalinga. La parte più complicata dell’avvio di questa attività è il rispetto delle leggi statali sì, licenze e permessi. Prima di poter iniziare a cucinare e vendere i pasti dalla cucina di casa, devi prima di tutto scoprire se lo stato in cui risiedi consente la preparazione di pasti cucinati a casa. Questo perché molti stati negli Stati Uniti non consentono la vendita di alimenti da una cucina domestica a causa principalmente di problemi di salute e mancanza di un adeguato sistema di monitoraggio.

Ma la buona notizia ora è che molti stati hanno iniziato a perdere le loro leggi rigorose e ora invece richiedono che le persone che vogliono gestire aziende di pasti fatti in casa acquisiscano licenze e permessi prima di possono iniziare le loro attività. Inoltre, ci sono vari limiti che non devono superare quando gestiscono la propria attività.

LEGGERE  Avvio di un'attività di riparazione del credito da casa

Nel 2013, Cottage Food Operations (CFO) è diventato legale, consentendo alle persone di preparare, confezionare e vendere alimenti non pericolosi da una cucina domestica privata ai sensi della Homemade Food Act. Solo gli alimenti specifici sono approvati per i CFO e devono essere alimenti che non richiedono refrigerazione per evitare che le persone si ammalino.

Questi alimenti includono prodotti da forno senza crema, crema pasticcera o ripieni di carne, frutta secca e noci burri e miscele di noci. L’elenco include anche confezioni come caramello salato o fondente e torte di frutta e tamales di frutta.

Un CFO deve guadagnare annualmente meno di $ 50.000 in vendite lorde per qualificarsi. Per funzionare ha anche bisogno dell’approvazione della città o della contea locale. I CFO rientrano in due categorie, la Classe A e la Classe B.

  • La Classe A si riferisce ai CFO ai quali è consentito impegnarsi solo nella vendita diretta di alimenti per la casa . Ciò significa che deve esserci una transazione diretta tra il consumatore e la sede del CFO come una casa, un mercato degli agricoltori o una vendita delle torte durante le vacanze. I CFO di classe A in genere non richiedono ispezioni da parte di un’agenzia locale.
  • I CFO di classe B possono effettuare vendite indirette tramite un rivenditore di terze parti in possesso di un permesso valido , come ristoranti o panifici.Un CFO di classe B viene inizialmente ispezionato prima del rilascio di un’autorizzazione, ma non viene ispezionato più di una volta all’anno.
LEGGERE  Avvio di un'attività in Gombe 10 migliori opportunità

I CFO di classe A richiedono una registrazione annuale oltre al completamento di un elenco di controllo completo di autocertificazione, mentre un La classe B richiede un permesso annuale.

Sia la registrazione che i permessi richiedono anche un corso di formazione per ricevere una carta Food Handlers entro tre mesi dall’approvazione. Ciò garantisce che gli alimenti vengano manipolati in modo sicuro e secondo le linee guida del codice sanitario. Infrangere una di queste leggi significa affrontare gravi conseguenze.

5 licenze importanti che potresti aver bisogno di vendere cibo da casa tua

Per iniziare a vendere cibo da casa tua in Stati Uniti, devi prima registrare la tua attività. Molti stati richiedono che la ragione sociale e il tipo – una ditta individuale, una società di persone, una società LLC o una società – siano registrati presso la segreteria della sede statale. Una volta completata la registrazione, è necessario iniziare a considerare le licenze disponibili. Alcune delle licenze che devi ottenere per la tua attività includono:

  • Licenza per gestori di alimenti

Questa licenza viene talvolta chiamata certificato alimentare e di sicurezza. Ciò potrebbe richiedere un test nella tua conoscenza di come gli alimenti dovrebbero essere manipolati e conservati.Non solo devi avere una licenza per i gestori di alimenti, ma anche chi assiste in cucina dovrà ottenerne una.

  • Licenza di catering

Se produci il cibo e lo consegni, invece di preparare il cibo nella cucina dei clienti come fa un cuoco personale, potresti aver bisogno di una licenza di catering.

  • Cucina Ispezione
LEGGERE  Avvio di un'attività di stampa 3D

La tua cucina dovrà superare un’ispezione di salute e sicurezza ed essere certificata, che è un tipo di licenza. Preparare il cibo in una cucina non certificata può farti pagare multe dallo stato o dalla contea. Se la tua cucina non passa e vuoi ancora gestire un’attività alimentare da casa, considera di cucinare il cibo in una cucina certificata nelle ore di riposo. Ad esempio: un ristorante che serve solo la colazione e il pranzo potrebbe essere felice di affittare la sua cucina per il tardo pomeriggio e la sera.

  • Leggi di zonizzazione

Controlla le leggi sulla suddivisione in zone della tua città per vedere se riesci a gestire un’attività fuori casa. Se le persone vengono a casa tua per ritirare il cibo, potrebbero essere richiesti dei permessi. Sarebbe necessario ottenere una varianza di zonizzazione.

  • Associazione dei proprietari di case

È necessario verificare necessariamente con le norme e i regolamenti dell’associazione dei proprietari di case se vivi in ​​una casa a schiera o in un condominio. Potresti scoprire che non è permesso gestire un’attività fuori casa.Ottenere la tua attività registrata quando non ti è nemmeno permesso di eseguire quel tipo di attività da casa tua sarebbe disastroso.

Eccezioni alle licenze

Ma per le persone che cosa iniziare su una scala molto piccola, la Legge Cottage ha anche dato loro l’opportunità di sopravvivere. Non hanno la libertà di vendere tutti i tipi di cibo fatto in casa e i loro cuochi possono vendere solo in determinati locali. Ma le leggi consentono di vendere qualcosa.

Gli articoli venduti in base alle leggi sugli alimenti per i cottage sono esenti da licenze e codici locali. Per questo motivo, solo alcune vendite sono legali. Gli alimenti sensibili al botulismo, come le verdure a bassa acidità, sono praticamente vietati ovunque. Gli alimenti più accettabili includono marmellate e gelatine; sottaceti in scatola in aceto e prodotti da forno, anche se ciò può variare da stato a stato.

La carne non è generalmente ammessa a causa di diffusi problemi di salute. La maggior parte degli agricoltori che vogliono vendere carne al pubblico deve farla ispezionare dall’USDA o offrire programmi in cui i consumatori acquistano animali e pagano i costi di macellazione e anche i prodotti lattiero-caseari a base di latte pastorizzato acquistato in negozio richiedono una licenza speciale.

Frutta e le verdure coltivate in un orto domestico non richiedono licenze speciali purché non siano state tagliate o alterate in alcun modo. Alcuni stati consentono ai cuochi di includere prodotti coltivati ​​in casa nel cibo dei cottage, ma non tutti lo fanno. Tuttavia, altri stati non ammettono prodotti in scatola, come frutta o verdura, all’interno dei cibi fatti in casa.

Come ottenere il permesso di vendere cibo da casa in 7 semplici passaggi

Cucinare e vendere cibo dal fronte domestico offre a cuochi professionisti e appassionati di cucina un basso -cost significa gestire una piccola impresa. Per organizzare la tua attività a casa, avrai bisogno di una o due stufe, frigorifero, strutture per la conservazione degli alimenti e utensili da cucina. Queste sono le basi e qualcosa di più elevato di questo richiederebbe una licenza separata. La legge ti consente di vendere i tuoi cibi fatti in casa nei mercati degli agricoltori, nei negozi di alimentari e nei cataloghi online.

LEGGERE  2021 BMW X6 – Linea di produzione – Fabbrica automobilistica tedesca negli Stati Uniti

Se hai bisogno di licenze e di quali licenze hai bisogno per vendere alimenti fatti in casa dipende dalle leggi sulla gestione degli alimenti dei tuoi stati e delle giurisdizioni locali. È necessario seguire le regole del servizio di ristorazione a domicilio della propria giurisdizione per familiarizzare con esse. Puoi trovare tali regole in diversi luoghi come il tuo stato e i governi locali di siti Web di sanità pubblica, agricoltura, fiscalità, licenze commerciali o suddivisione in zone.

Per iniziare ad acquistare una licenza alimentare, devi impostare la tua cucina in base sulle informazioni che sei riuscito a raccogliere dal tuo dipartimento di sanità pubblica. È possibile acquistare e installare contatori di cucina separati, attrezzature aggiuntive come una stufa o un frigorifero e attrezzature igienico-sanitarie come un lavandino a tre scomparti, se richiesto dalla legge. È possibile che ti venga richiesto di allestire una cucina completamente separata per la tua struttura di produzione alimentare a casa, anche se si trova nei locali di casa.

Quando hai finito di mettere in ordine la tua cucina, la tua prossima mossa sarebbe quella di contattare il tuo dipartimento di sanità pubblica per un’ispezione. L’ispettore sanitario visiterebbe la tua cucina per determinare se la struttura è adatta per cucinare. L’ispettore sanitario passerà la tua cucina al momento dell’ispezione iniziale o ti fornirà un elenco di elementi necessari per renderlo ulteriormente standard.

Quando hai soddisfatto tutti i requisiti, l’ispettore sanitario tornerà a fare certo, e se è soddisfatto, ti verrà rilasciato il tuo certificato o permesso.

LEGGERE  Le 10 migliori opportunità di investimento per le piccole imprese in Libano

Affinché i prodotti della tua cucina vengano accettati dai negozi al dettaglio e dai mercati degli agricoltori, devi fornirli con una copia del permesso. Potrebbe anche essere richiesto di seguire un corso per operatori alimentari, a seconda della giurisdizione.

A seconda della grandezza di un’azienda che si intende esaurire dalla propria cucina di casa, è possibile richiedere altre licenze aziendali competenti . Potrebbe esserti richiesto di registrare la tua attività e richiedere una licenza di rivendita, a seconda della quantità di prodotto che produci e vendi su base annuale. Tieni presente che alcune aziende acquisterebbero da te solo se disponi di una licenza commerciale, quindi procuratene una.

Puoi aggiungere questa pagina ai segnalibri